Dieta Carnivora o PKD, Quale Scegliere?

Novembre 27, 2022

Nel corso degli ultimi anni nel mondo delle diete animal-based (basate su cibi animali) si sono imposti due principali stili alimentari.

Il primo è la “classica” dieta carnivora in cui se eliminano del tutto gli alimenti di origine vegetale come le verdure e la frutta. Il secondo è la così detta Paleodieta Chetogenica (PKD) che, se pur accostata alla dieta carnivora in molte occasioni, si discosta in modo sostanziale.

Infatti, mentre la dieta carnivora si limita ad indicare l’eliminazione di cibi vegetali come criterio di classificazione, la PKD fa leva sull’elevato consumo di grassi come elemento distintivo, e permette persino di consumare vegetali in piccole quantità. Circa quest’ultima dieta, se vuoi approfondire puoi leggere questa mia intervista al dottor. Tóth, ideatore di questo stile alimentare.

Ma tra le due, quale scegliere?

Bisogna iniziare dicendo che la scelta non può essere fatta sul criterio di “migliore”, perché l’alimentazione ideale dipende dalla persona che la segue e persone diverse possono avere necessità diverse. Allora, come scegliere?

A mio avviso, la dieta carnivora è il punto di arrivo per chi ha problemi di digestione, infiammazione cronica ma non eccessiva ed in generale cerca di migliorare lo stato del suo intestino e aumentare il suo benessere. Essendo una dieta di eliminazione, permette all’organismo di ritrovare la sua omeostasi (equilibrio) in modo naturale. La PKD, invece, è considerabile come un vero e proprio strumento terapeutico, che ha come obiettivo quello di trattare patologie come il cancro, il diabete e le malattie autoimmuni. A detta degli ideatori, ed in base alle loro ricerche, questo strumento terapeutico offre un’arma in più a chi sta lottando contro patologie serie. Di contro, la PKD richiede uno sforzo di disciplina, poiché fa leva sull’elevatissimo consumo di grassi (fino all’80% delle calorie ingerite) e nei casi più estremi alla limitazione dell’apporto proteico. Per queste ragioni, deve essere seguita sotto stretto controllo medico specializzato. Seguire una PKD in modo corretto è difficile, rischioso se fatto male e impegnativo. Ma di contro offre una vera e propria opportunità di guarigione dalle malattie, cosa che la dieta carnivora offre ma solo in modo limitato.

Per rispondere in modo semplice, la dieta carnivora -sempre sotto l’occhio di un medico- è una dieta restrittiva ma non tanto quanto la PKD e può essere seguita da tutti in modo coerente. La PKD, invece, essendo a scopo terapeutico andrebbe riservata a chi cerca di guarire da gravi problemi di salute.

Vuoi iniziare con la dieta carnivora o perfezionarla? Clicca qui sotto.

Ti può interessare…

L’importanza del Branding per Farsi Pagare di Più

L’importanza del Branding per Farsi Pagare di Più

In un mercato sempre più competitivo, è importante distinguersi dalla concorrenza per farsi notare e ottenere più clienti. Il branding è lo strumento fondamentale per raggiungere questo obiettivo. Il branding è l'insieme di attività che un'azienda mette in atto per...

Mi Sento Solo Come Imprenditore: Cosa Devo Fare?

Mi Sento Solo Come Imprenditore: Cosa Devo Fare?

Essere un giovane imprenditore può essere un'esperienza gratificante e stimolante, ma può anche essere solitaria. I giovani imprenditori spesso lavorano lunghe ore e hanno una grande responsabilità sulle loro spalle. Questo può portare a un senso di isolamento e...