Come risolvo i miei problemi

Febbraio 23, 2021

Se vivi nel mondo comune, il titolo di questo articolo non avrà senso. Come si risolvono i problemi, chiaramente trovando una soluzione nel mondo reale, ti starai dicendo.

Tuttavia, da qualche tempo, avendo iniziato un percorso di crescita personale e spirituale, ho adottato un metodo di risoluzione dei problemi che non ha nulla a che vedere con l’azione nel mondo esterno. Ma esaminiamo per chiarezza il paradigma più comune alla risoluzione dei problemi:

Quando un evento che causa una reazione emotiva avversa -problema- emerge, la nostra mente analitica inizia a processare le informazioni nel mondo esterno: avvenimenti, cause, contesto e inizia a formulare possibili soluzioni. Se si rompe la macchina ad esempio in primis dobbiamo portarla da un meccanico, che individua il danno e lo ripara. Tutto logico fin qui. Questo è il tipico schema che seguiamo in ogni circostanza.

I guai però iniziano quando il suddetto problema non ha una chiara soluzione, ovvero non esiste un meccanico in grado di diagnosticare il difetto e correggerlo. Questo avviene ad esempio nelle relazioni interpersonali, ma anche in altre circostanze che sembrano non avere senso o, apparentemente, nessuna soluzione logica. Basti pensare a determinate patologie cliniche o incidenti inaspettati.

In queste circostanze, dove una soluzione apparente non esiste, la nostra mente analitica rimane inerme e siamo destinati a rimanere “con il problema” e a soffrirne le conseguenze. Però, nella definizione stessa di problema risiede una soluzione non convenzionale ma più potente di tutte.

Il problema è infatti tale solamente quando assegnamo ad esso un significato emotivo, perché riteniamo possa mettere a rischio uno dei nostri valori di base: sicurezza, bisogno di appartenenza, stabilità. Quando non c’è legame emotivo con un fatto, esso rimane così com’è: semplicemente un avvenimento nel mondo esterno.

I più attenti avranno ormai scorto la soluzione che voglio proporvi. Se riusciamo a scollegare l’evento esterno e la reazione emotiva, per definizione non abbiamo più un problema, lo abbiamo risolto. Già, ma come?

Il metodo migliore è appunto quello di lavorare sull’emozione che da significato al fatto. Se riusciamo ad eradicarla, il resto non è più rilevante. Per quanto alieno alla mente analitica, questo è esattamente un processo naturale che chiunque può mettere in atto. Semplicemente, occorre lasciare andare l’emozione di preoccupazione, ansi, stress, paura o qualsiasi altri si presenti per aver risolto il proprio problema. Dopo averlo fatto, quello che prima ci preoccupava sarà completamente irrilevante, anche le situazioni più tragiche, e parlo per esperienza personale.

Per quanto mi riguarda, il primo passo di fronte a qualsiasi fatto “emotivo” (problema) è prima di tutto affrontare l’emozione sottostante. Per farlo, basta ascoltarla ed accettarla senza porre resistenza. Così facendo, l’emozione farà il suo corso e passerà naturalmente. Portando con sé il problema.

Se volete provare vi incoraggio ad approfondire il tema del Letting Go: https://youtu.be/j248kAMdehY

Per iniziare un percorso di Coaching con me ed imparare a gestire le emozioni, compila il FORM di candidatura

Ti può interessare…

Per creare abbondanza devi sconfiggere il drago

Per creare abbondanza devi sconfiggere il drago

Uno dei più grandi inconvenienti della nostra psiche è che a livello subconscio tutto è registrato. Traumi, esperienze e storie vengono accumulate nel corpo per sempre. Queste esperienze contribuiscono a formare la nostra "personalità" e influenzano le nostre scelte...

Letting go – come lasciare andare le emozioni negative

Letting go – come lasciare andare le emozioni negative

In questo articolo voglio parlare di una tecnica potentissima per affrontare qualsiasi ostacolo che causa un'emozione negativa. Quando si parla di sfide nella vita, il primo elemento da riconoscere è che il fatto in sé non è davvero il problema. Il problema, come...

Case Study: guarire con la Dieta Carnivora

Case Study: guarire con la Dieta Carnivora

Questo case study nasce dall'unione di due esperienze che ho avuto con due clienti diverse. Ho deciso di mettere tutto il contenuto in uno poiché le due situazioni erano speculari. Iniziare un percorso nutrizionale alternativo non è facile. Paradossalmente, al giorno...